“I Trovatori” al Macro per Enel Contemporanea

Dal 15 dicembre al 6 gennaio Enel e MACRO presentano Natale @ Big Bambú: otto concerti che spaziano dal jazz alla musica classica con interpreti affermati e di talento in un viaggio musicale al confine dei generi, alla scoperta di Big Bambù, la grande architettura/scultura di corde e bambú che sarà illuminata a festa per tutto il periodo natalizio, trasformando ancora una volta gli spazi del Museo di Testaccio. E, per finire, il giorno della Befana giochi e divertimenti per i più piccoli.

L’ingresso è libero fino a esaurimento posti.

PROGRAMMA
domenica 15 dicembre ore 18.00 | Quintetto di Ottoni dell’Accademia di Santa Cecilia
Fantasia Dixieland / Fats Waller, Carmichael, Pollack, Creamer & Layton, Garland
Andrea Lucchi (tromba), Antonio Ruggeri (tromba), Fabio Frapparelli (corno), Basilio Sanfilippo (trombone), Maurizio Persia (trombone basso).
sabato 21 dicembre ore 19.00 | inaugurazione mostra Roberto Bosco. OLTRE CONFINE
domenica 22 dicembre ore 18.00 | I Solisti dell’Accademia di Santa Cecilia
Da Venezia a Vienna / Vivaldi, Mozart, Beethoven
sabato 28 dicembre ore 18.00 | Balanescu Quartet plays Kraftwerk
domenica 29 dicembre ore 18.00 | Hot Club De Zazz
sabato 4 gennaio ore 18.00 | Raffaele Costantino (Elettronica), Fabrizio Bosso (Tromba)
domenica 5 gennaio ore 18.00 | Tres blues in bassorilievo
lunedì 6 gennaio | Gran finale per la festa della Befana
> ore 11.30: Il Quint’etto dell’Accademia di Santa Cecilia
Classica, Leggera o… Il peso della leggera, la leggerezza della classica
Miller, Piazzolla, Mancini, Teodorakis, Giuffrè, Gershwin
> ore 15.00: Festa della Befana con giochi e animazioni per bambini
> ore 18.00: Oren Lavie

INFO
MACRO Testaccio
piazza O. Giustiniani 4, Roma
bambu@eneleventi.it / +39 06 33399395enel cont.

Puglielli, Corde Fest, 22 e 23/11/13

In Corde 2013

Venerdì 22. IMOLA
Auditorium della Nuova Scuola di Musica Vassura Baroncini. 21:00

Preambolo
Omaggio al liutaio Amleto Ruffilli – Andrea Orsi, chitarra lira

Concerto
Sylvius Leopold Weiss (1686-1750) Tombeau sur la mort de M: Cajetan Baron D’Hartig
 per chitarra (dall’originale per liuto)
John Lewis (1020-2001) Django (Tombeau per Django Reinhardt)
Nicola Puglielli (1962) Non scordar la memoria (2004) per chitarra elettrica
Ignazio Sfraga (1983) L’incanto (2013 Novità) per flauto e chitarra
Włodzimierz Kotoński (1925) Trio (1960) per flauto, chitarra e percussioni
Edward Kennedy “Duke” Ellington (1899 – 1974) Solitude (testi di E. De Lange e I. Mills) per voce e chitarra elettrica (alla maniera di Barney Kessel)
Dall’album Such Sweet Thunder: Such Sweet Thunder; The Star-Crossed Lovers
per due chitarre elettriche, contrabbasso e batteria
Benny Golson (1929) Whisper Not (testo di L. Feather) per voce e chitarra elettrica
Michel Legrand (1932) The Windmills of Your Mind (testo di P. Clark)
Sholom Secunda (1894-1974) Bei Mir Bistu Shein (testo di J. Jacobs)
per voce, due chitarre elettriche, contrabbasso e batteria

Daniela Troilo, voce; Gabriele Betti, flauto; Stefano Cardi, Andrea Orsi, chitarra; Nicola Puglielli, Marco Graziani, chitarra elettrica; Roberto Bartoli, contrabbasso; Simone Cavina, batteria; Daniele Sabatani, percussioni

Sabato 23. BOLOGNA
Museo della Musica. 17:00

Robert Johnson (1582?-1633) Full fathom five
John Dowland (1563-1626) Lachrimae antiquae; The King of Denmark’s Galiard ; Captain Digorie Piper his galiard – per consort di viole
Flow My Tears per voce e liuto
Michel Legrand (1932) I Will Say Good Bye
Nicola Puglielli (1962) Non scordar la memoria (2004) per chitarra elettrica
Henry Purcell (1659 – 1695) O Solitude, My Sweetest Choice, Z 406 (testo di A. Girard de Saint-Amant) per voce e liuto
Edward Kennedy “Duke” Ellington (1899 – 1974) Solitude (testi di E. De Lange e Irving Mills) per voce e chitarra elettrica (alla maniera di Barney Kessel)
Peter Maxwell Davies (1934) Renaissance Scottish Dances (1973) per ensemble
Intrada; Currant; Sweit smylling Katie loves me (with the Lady Louthian’s Lilte); Last time I came over the Mure; Ane Exempill of Tripla; Remember me my deir
Anthony Holborne (1545-1602) The Night Watch
Alfonso Ferrabosco il giovane (1575-1628) The Dovehouse Pavan
per consort di viole
Benny Golson (1929) Whisper Not (testo di L. Feather)
Michel Legrand (1932) The Windmills of Your Mind (testo di P. Clark)
Sholom Secunda (1894-1974) Bei Mir Bistu Shein (testo di J. Jacobs)
per voce e chitarra elettrica
Pink Floyd If (dall’album Atom Hearth Mother) per Pop Band

 

“I Trovatori” a musica Fuori Centro, Serapicum

hcdz seraphicum

18:00 | Domenica 13 Ottobre 2013
Concerto jazz già passato
Auditorium del Seraphicum
Via del Serafico, 1
00142 Roma
Una sorprendente rilettura della celebre opera verdiana in chiave gipsy-swing realizzata per il bicentenario del grande compositore da Nicola Puglielli, Luca Pagliani, Roberto Nicoletti, Xavier Rigaut, Pino Sallusti.
Rassegna Musica Fuori Centro

 

Concerto per New Orleans. 20/4/13

gerardo iacoucci paola masseroLA SALETTA, FROSINONE: CONCERTO PER NEW ORLEANS SABATO 20 APRILE
18 aprile 2013210
Sabato 20 aprile, alle 18, la Saletta (via Giacomo Matteotti, Frosinone) ospiterà il concerto per New Orleans, città di un’America in questi giorni devastata dai terribili fatti di Boston. Sul palco del centro delle arti situato nella parte alta del capoluogo saliranno Paola Massero (voce), il maestro Gerardo Iacoucci (pianoforte) e Nicola Puglielli (chitarra). La scaletta del concerto prevede l’esecuzione di brani che hanno fatto la storia del jazz di New Orleans, come “When the Saints”, “Dinah”, “Do You Know What It Means to Miss New Orleans?” (incluso nel film “La città del jazz”, lì eseguito da Louis Armstrong e Billie Holiday), “Ain’t Misbehavin’”, “She’s funny that way”, solo per citarne alcuni.

 

“Il nostro intento è di onorare la memoria storica di questa città attraverso i brani ad essa legati che hanno fatto la storia del jazz”, ha spiegato il maestro Iacoucci, pianista, compositore, direttore d’orchestra, musicista e docente di caratura internazionale che vanta collaborazioni con artisti come Lee Konitz, Steve Grossman, Josephine Baker e Domenico Modugno. “I brani inclusi nella scaletta del concerto di sabato alla Saletta sono legati anche alla mia biografia di artista: sono stati scelti per la componente affettiva che mi lega a questa città”. Una componente fortissima, visto che il maestro Iacoucci ha ottenuto, nel 1989, la cittadinanza onoraria e le chiavi della città di New Orleans dopo quattro anni trascorsi nelle chiese battiste a studiare e a prendere spunti da riversare nel coro di gospel e spiritual che il maestro dirigeva, all’epoca, a Frosinone.

Non sono da meno i curricula dei compagni di viaggio di Iacoucci, che non possiamo riportare integralmente solo perché troppo corposi: Paola Massero, cantante ed autrice di testi, dopo lo studio dell’impostazione vocale con il mezzosoprano Sabrina D’Errico e con il tenore Timothy Martin, ha incontrato una delle esponenti più illustri della scena contemporanea, il soprano Annette Meriweather, che le ha svelato la ricchezza della musica afro-americana, offrendole la straordinaria opportunità di interpretare le pagine più significative della tradizione Negro Spiritual e Gospel in qualità di solista e a fianco di prestigiose formazioni corali. Dal 2011 è la solista del gruppo Isoritmo di Giampaolo Ascolese nel progetto ideato dalla pittrice francese Marie Reine Levrat “Elle, singulière, plurielle” presentato all’Auditorium–Parco della Musica di Roma ed in occasione dell’edizione 2012-13 di Umbria Jazz Winter. Paola Massero e Gerardo Iacoucci lavorano insieme a diversi progetti: è uscito l’anno scorso il cd “Saisons”, in lingua francese, mentre a ottobre voleranno entrambi in Brasile per registrare un disco in collaborazione con musicisti locali e con un poeta brasiliano contemporaneo, Humberto França, autore dei testi. Nicola Puglielli, chitarrista e compositore, annovera nel proprio curriculum collaborazioni con Don Moye, Steve Grossmann, Roberto Gatto, Moni Ovadia. Ha preso parte ai più importanti festival jazz italiani ed europei ed ha accompagnato in sala di registrazione, tra gli altri, Nicola Piovani, Gian Piero Reverberi, Luis Bacalov, oltre allo stesso Iacoucci.

Il concerto di sabato 20 aprile alla Saletta di via Giacomo Matteotti a Frosinone si preannuncia, quindi, un appuntamento imperdibile per tutti coloro che vogliono scoprire o riscoprire la bellezza e la struggente intensità dei suoni e delle atmosfere che rendono unica la città di New Orleans.

Il concerto sarà presentato dal musicologo Gianni Blasi, esperto in canto gospel e spiritual, già docente dell’Università Orientale di Napoli.